Skip to content

ARTICOLI

Il Distanziamento Sociale nelle Imprese locali, bar, pub, ristoranti.

Idee da applicare.

Il distanziamento sociale obbligato, dovuto al Coronavirus, porta le imprese locali a ridisegnare gli spazi interni.

Il problema è limitato per quelle attività che non hanno  un’eccessiva affluenza di persone simultanee come in negozi di ferramenta, attività artigiane, abbigliamento, estetiste e parruchieri. I bar e soprattutto i ristoranti vengono penalizzati enormemente.

Che strategia adottare visto che i pannelli di plexiglass ( osceni quelli di usb) hanno delimitato internamente i posti disponibili?

Vediamo subito 2 strategie mirate per plasmare i clienti nell’arco della giornata.

  1. Promozione ore 18:30.

Le persone che hanno più di 60 anni generalmente gradiscono mangiare prima sia al giorno che alla sera.

Perchè non cercare di attirare questi clienti proponendo uno sconto o meglio ancora un piatto in omaggio?

A fronte di un servizio che per il cuoco inizia presto e termina tardi, ci sarà un vantaggio sul numero ridotto del personale  che si occuperà della sala.

      2. Promozione dopo le 22:00.

Questa potrebbe sembrare anomala ma in verità permette alla clientela che arriva dopo quest’ora di usufruire di un buono o piccola promozione e nello stesso tempo di non mettere fretta ai clienti che sono arrivati nel secondo turno (20:00/21:00).

Queste 2 strategie devono poi essere focalizzate nella mente dei clienti anche se inizialmente potrebbero non gradire.

Facciamo due conti della cena dei clienti per capire come svolgere il tutto. Se un ristorante medio con una capienza di 70 posti interni ora si trova ad averne 30 se riesce a gestire  3 turni può arrivare a 90 persone.

Lasciamo che magari inizialmente non si riescano a riempire il primo e l’ultimo turno arrivare comunque a 70 persone è possibile.

VANTAGGI.

  1. Le persone preferiscono non avere molta confusione quando mangiano. Il distanziamento sociale e i posti ridotti consentono più tranquillità.
  2. Miglior efficienza del servizio da parte dei camerieri poichè non passeranno più a slalom come sciatori tra i tavoli e non avranno enormi portate di piatti da servire in pochissimo tempo.
  3. Meno pressione al cuoco e a tutta la cucina.Ciò si traduce con piatti cucinati meglio, più soddisfazione del cliente che può rilasciare felicemente la propria recensione a 5 stelle!
  4. Arrivare al numero totale di persone che si facevano prima del distanziamento sociale  è possibile  se si incentiva il cliente a venire con eventi e o promozioni durante la settimana.

Questo viene già fatto da diversi ristoranti attuando anche prenotazioni anticipate come ho già descritto nel precedente articolo.

Essere positivi in questa ripartenza è fondamentale anche se non tutti riusciranno a trarne dei benefici immediati.

I titolari di piccoli ristoranti e trattorie,  senza spazi agibili all’esterno, sono molto sfiduciati ma possono limitare i danni se in questi mesi hanno fatto loro una serie di competenze da applicare ora.

E’ indispensabile studiare i propri clienti testando campagne social media o su Google e vedere i risultati che ne derivano.

Ad esempio fare un test su un nuovo piatto che sarà presente prossimamente nel menù.

Il messaggio che attira la curiosità del cliente fa la differenza. Non devono necessariamente mettere il like, ma è importante testare per ricordare ai clienti che si aprirà  seppur con un distanziamento sociale per garantire la loro salute.

Un’altra strategia applicabile in questo periodo fare delle piccole sponsorizzate (ads) su Facebook limitandole a 10/30 km di distanza con frequenza sempre più alta man mano che ci si avvicina alla data degli eventi.

Ora è importantissimo far sapere ai clienti le iniziative dei 3 turni serali e le relative promozioni.

i vantaggi elencati sopra se valorizzati nel giusto modo possono far ripartire qualunque attività seppur in tempi lunghi date le ovvie difficoltà di una normativa stringente ma necessaria a causa di un virus invisibile.

Nel prossimo articolo spiegherò un metodo molto efficace già collaudato da molteplici ristoranti, pub e bar per organizzare una serie di eventi.

Riaprire le attivita’ dopo il coronavirus

Molti imprenditori, titolari d’imprese locali si chiedono come possono riaprire la loro attività dopo mesi di saracinesca abbassata conseguente il coronavirus con zero entrate e solo spese da sostenere.
  

Il  mancato  fatturato in questo contesto globale  dove il virus sembra ancora  non rallentare la sua pericolosità, viene ancora minato dal timore e dalla paura che la popolazione prova con il conseguente rallentamento nell’entrata dei locali commerciali e artigianali.

Le normative d’apertura scaglionate, allungano ancor più i tempi della ripresa.

 Pensiamo a tutte quelle attività che hanno una sede fisica con dei costi fissi, bollette, eventuale affitto, scadenze  dei fornitori, per non parlare poi delle scadenze fiscali.

Le attività di ristorazione, centri estetici e parrucchieri  sono costretti addirittura a restare chiusi in oltranza.

Sono sicuro che molti titolari abbiano ipotizzato in questo periodo una possibile strategia di ripresa ma ora più che mai  occorre essere supportati anche da una Strategia programmata, delineata, specifica per il proprio settore affinchè si vada verso una ripresa e implementazione in termini di profitto.

E’ semplice lamentarsi ma non serve a curare le ferite poichè lamentarsi  offusca l’ottimismo  e soprattutto la creatività.

Scommetto, tu che mi stai leggendo, che ti stai chiedendo come organizzare un evento o una promozione nel tuo locale tra 2 o 3 mesi.

Capisco che in un clima d’incertezza, organizzare un evento o una promozione alla luce delle normative vigenti, non sia affatto semplice: i tuoi competitor  però, come già visto nei mass media, hanno già trovato  soluzioni per la propria attività.

Ti porto un esempio sulla ristorazione: diversi  hanno organizzato delle prenotazioni addirittura senza data ma con un coupon sconto del 25% a chi prenotava subito e provvedeva al relativo pagamento con carta di credito.

Sono stati creati  dei Menù molto allettanti e qualcuno addirittura  ha messo anche la foto dove i clienti potrebbero  essere seduti.

Questa modalità ti porta innanzitutto  ad avere subito delle entrate e di questi tempi penso che sia la cosa più desiderata visto che le entrate sono state minime.

La consapevolezza di ritornare con determinazione e grinta ai risultati dei tempi passati, dipende da molteplici fattori.

Oggi rimane in piedi soprattutto chi diventa un esperto di Marketing! Non è che devi improvvisamente fare delle cose che non hai  mai fatto, ma io vorrei esserti di supporto, al tuo fianco attraverso un  MANUALE GUIDA che ho realizzato insieme a Consulenti, Imprenditori, frutto di molteplici corsi in cui posso proporti strategie, idee e suggerimenti.

Ci sono “4 PUNTI ROSSI”  importantissimi che ogni imprenditore, libero professionista e chi ha soprattutto una sede locale, dovrebbe iniziare ad applicare.

Oggi nel riaprire col distanziamento sociale in atto, dovrai innanzitutto richiedere metri in più all’esterno del tuo locale qualora fossero disponibili.

Non perdere tempo perchè le domande vanno fatte al comune e chi prima arriva prima prende posto. Nel centro delle città questi posti sono molto limitati, quindi sii veloce!!!

Una volta che hai distanziato i posti dovrai mettere in bella vista a disposizione dei clienti i guanti monouso e il  detergente disinfettante in gel. Tu e il tuo personale indosserete mascherina, guanti e divise. MASSIMA IGIENE DEL LOCALE!

Attenzione, il tuo cliente non te lo dirà mai  per non offenderti  se vedesse alcune di queste mancanze, ma rischieresti di perderlo per sempre.

Quindi è necessario curare nei minimi dettagli e sicurezza  l’ESTERNO DEL TUO LOCALE seguito dall’INTERNO. Dovendoti attenere in modo ferreo alle nuove normative se hai un locale piccolo devi distribuire i clienti in più orari, incentivandoli con delle strategie mirate che sono descritte nel MANUALE GUIDA e nel MANUALE GUIDA SETTORIALE.

Per quanto riguarda alcuni tipi di attività che già lavorano con appuntamento come parrucchieri e centri estetici, dovranno cercare già da ora di fissare appuntamenti con i propri clienti. Qui c’è una precisa strategia spiegata nel MANUALE GUIDA4 PUNTI ROSSI.

Se hai una lista delle tue campagne di email marketing o messaggi whatsapp, farai molto presto a estrapolare i contatti dei tuoi clienti e a proporre un appuntamento mirato in data precisa e magari fartelo pagare subito con carta a fronte di una possibile scelta di sconto.

Devi aver cura di organizzare un programma ben definito in modo tale che i tuoi clienti ti vedano e capiscano che sarai a loro piena disposizione pronto ad offrire anche novità esclusive come descrivo nel capitolo 3 del MANUALE GUIDA.

Le strategie per riportare i clienti, mantenerli e farne di nuovi ci sono:  secondo gli ultimi dati di studio le attività che hanno fatto un grande salto di qualità hanno attuato le vendite online a supporto di quelle offline riducendo le limitazioni delle vendite dovute alla pandemia.

 

Nel terzo capitolo descrivo la STRATEGIA ONLINE grazie ai SOCIAL MEDIA , SITO INTERNET ed E-COMMERCE.

Nel quarto capitolo descrivo la STRATEGIA OFFLINE che raggruppa i report e le analisi provenienti da tutti gli aspetti della tua attività.

Il termine  STRATEGIA, al di là della parola che potrebbe sembrare complessa,  si attua in ogni attività, basta avere dedizione, pazienza  crederci fino in fondo  e farsi guidare per perseguire

gli obiettivi da raggiungere.

Proprio per questo io sarò a tua completa disposizione nell’individuazione e messa in campo di ogni strategia a te necessaria, con il supporto anche di altri miei collaboratori/consulenti.

Shopping cart